X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Inviare la dichiarazione può essere conveniente anche dopo il 10 marzo

Le sanzioni sono dimezzate e in alcuni casi fisse

/ Alfio CISSELLO e Massimo NEGRO

Giovedì, 25 febbraio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La tardiva dichiarazione dei redditi e IRAP 2020 (inerente all’anno 2019), può essere ravveduta solo entro il 10 marzo 2021, operando lo sbarramento temporale dei novanta giorni dal termine di presentazione della dichiarazione, di cui all’art. 13 comma 1 lett. c) del DLgs. 472/97.

Non essendo più possibile il ravvedimento operoso, tornano applicabili le consuete sanzioni proporzionali per l’omessa dichiarazione, disciplinate dall’art. 1 del DLgs. 471/97.
Come sanzione base, è prevista una pena dal 120% al 240% delle imposte dovute. Se non sono dovute imposte la sanzione è invece fissa, da 250 euro a 1.000 euro.

L’omessa dichiarazione può anche avere rilievo penale, laddove venga superata la soglia di punibilità dei 50.000 euro d’imposta per anno solare (al riguardo, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU