X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 10 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Senza scritture vale ancora il «deficit fallimentare»

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 4 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte d’Appello di Catania, nella sentenza n. 136/2020, ha affermato che la disciplina di cui al nuovo art. 2486 comma 3 c.c., come inserito dall’art. 378 comma 2 del DLgs. 14/2019, in tema di quantificazione del danno da illecita prosecuzione dell’attività sociale, è inapplicabile ai giudizi pendenti alla data di entrata in vigore della nuova previsione (16 marzo 2019). Appare, quindi, importante ricapitolare i principali approdi da considerare con riguardo alle cause pendenti alla suddetta data ed aventi ad oggetto la quantificazione del danno da illecita prosecuzione dell’attività sociale, ponendo in essere atti gestori estranei ad una logica meramente conservativa in epoca successiva alla perdita di capitale sociale.

Chiarite le ragioni che non consentono la prova ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU