X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 17 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Versamento del saldo IVA per il 2020 entro il 16 marzo

È anche possibile versare entro i termini stabiliti per le imposte sui redditi e rateizzare

/ Mirco GAZZERA

Mercoledì, 10 marzo 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Scade il 16 marzo 2021 il termine per il versamento, senza maggiorazioni, del saldo IVA che emerge dalla dichiarazione annuale per il 2020. Resta ferma la possibilità di effettuare tale versamento entro i termini previsti per le imposte sui redditi e di rateizzare il debito.

Nel campo 1 del rigo VL30 (“Ammontare IVA periodica”) della dichiarazione IVA per il 2020, si indica il maggiore importo fra quello:
- dell’IVA periodica dovuta (campo 2);
- dell’IVA periodica versata (somma dei campi 3, 4 e 5).
Di conseguenza, ai fini del calcolo del totale dell’IVA dovuta (rigo VL38), non assume rilevanza che i versamenti periodici siano stati omessi, in tutto o in parte, oppure legittimamente sospesi per l’emergenza coronavirus e non ancora effettuati alla data di presentazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU