X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 30 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’omessa fatturazione non basta l’esecuzione del servizio

Va provato l’avvenuto incasso o l’intenzione del prestatore di sottrarsi agli adempimenti

/ Corinna COSENTINO e Mirco GAZZERA

Sabato, 23 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

In merito al momento di effettuazione ai fini IVA delle prestazioni di servizi, l’Agenzia delle Entrate ha recentemente richiamato i principi enunciati dalle Sezioni Unite della Cassazione nella sentenza n. 8059/2016 (risposte a interpello nn. 579/2021 e 666/2021).

Ai sensi dell’art. 6 comma 3 del DPR 633/72, le prestazioni di servizi si considerano effettuate, di regola, “all’atto del pagamento del corrispettivo”. Inoltre, ai sensi del successivo comma 5, la relativa imposta diviene esigibile nel momento in cui le operazioni si considerano effettuate. Sulla base della normativa Ue, tuttavia, le Sezioni Unite hanno sancito che occorre distinguere fra:
- fatto generatore dell’imposta, “evento che costituisce la scaturigine dell’obbligazione tributaria ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU