X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Modificabile la proposta di concordato fallimentare

La proposta non deve rivolgersi ai soli creditori già ammessi al passivo

/ Marco PEZZETTA

Lunedì, 19 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Al contrario di quanto previsto in materia di concordato preventivo, nessuna norma prevede espressamente la possibilità di modificare la proposta di concordato fallimentare dopo la sua presentazione. In generale, detta emendabilità appare ammessa dalla giurisprudenza, seppure con diverse sfumature e, talvolta, incidentalmente in relazione, ad esempio, alla possibilità di migliorare le proposte formulate in caso di comparazione con proposte concorrenti, ovvero agli effetti dell’omologa in ipotesi di proposta di concordato, sottoscritta dal debitore e dall’assuntore e successivamente modificata. Lo stesso dicasi per la dottrina, parte della quale ne ha addirittura ammesso la modificabilità (se in melius) anche dopo il voto dei creditori, circoscrivendo la possibilità di modifiche

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU