X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 28 settembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

CONTABILITÀ

Informativa non finanziaria per rendersi accountable verso gli investitori

Le «valutazioni ESG» allargano la sfera dell’analisi alle variabili environmental, social e di governance

/ Fabrizio BAVA, Maurizio CISI e Alain DEVALLE

Lunedì, 12 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I dati finanziari (Fatturato, EBITDA, posizione finanziaria netta, patrimonio netto, ecc.) non sono più sufficienti per un’adeguata informativa verso i terzi (banche comprese). Sempre di più si sente parlare di “valutazioni ESG” delle aziende, basate su criteri orientati ad allargare la sfera dell’analisi alle variabili environmental (E), social (S) e di governance (G). Si tratta di processi tanto innovativi quanto inarrestabili che hanno preso piede tra gli investitori e che, lato-aziende, devono essere conosciuti e considerati.

Sempre più imprese sono consapevoli della necessità, per la loro sopravvivenza, di rivedere i modelli di business in un’ottica di sostenibilità, anche solo in ottica “adattiva”, in aderenza alle parole chiave ricorrenti del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU