X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per le sospensioni/riduzioni iniziate ad aprile, domande CIG COVID-19 entro il 31 maggio

/ REDAZIONE

Mercoledì, 7 aprile 2021

x
STAMPA

Con un approfondimento pubblicato ieri, la Fondazione Studi Consulenti del Lavoro ha analizzato il messaggio INPS n. 1297/2021, che ha fornito le prime indicazioni sulle novità in materia di cassa integrazione COVID-19 introdotte dall’art. 8 del DL 41/2021 (DL “Sostegni”).

Si ricorda che la citata disposizione prevede, in caso di sospensione o riduzione dell’attività lavorativa per eventi riconducibili all’emergenza sanitaria, ulteriori 13 settimane di CIGO richiedibili nel periodo compreso dal 1° aprile 2021 al 30 giugno 2021, mentre vengono stabilite ulteriori 28 settimane di assegno ordinario e CIG in deroga, nonché ulteriori 120 giorni di CISOA, che possono essere richiesti all’interno del periodo dal 1° aprile 2021 al 31 dicembre 2021 (si veda “Pagamento della CIG in deroga COVID-19 anche con conguaglio” del 27 marzo 2021).

In particolare, la Fondazione riscontra alcune criticità, riguardanti sia la coesistenza di due normative e differenti causali nella settimana 29 marzo-3 aprile, sia la mancanza di tutele, fino al 31 marzo 2021, per i lavoratori assunti dal 5 gennaio 2021.

In merito ai termini di presentazione delle domande, la Fondazione evidenzia l’opportuno chiarimento dell’INPS. L’art. 8 comma 3 del DL 41/2021 stabilisce infatti che le domande di accesso ai trattamenti di cassa integrazione COVID-19 devono essere trasmesse all’INPS, a pena di decadenza, entro la fine del mese successivo a quello in cui ha avuto inizio il periodo di sospensione o di riduzione dell’attività lavorativa. In fase di prima applicazione, il suddetto termine di decadenza è fissato entro la fine del mese successivo a quello di entrata in vigore del DL 41/2021.

Quest’ultima previsione non concretizza una situazione di miglior favore per le aziende, pertanto, per gli eventi di sospensione o riduzione iniziati nel mese di aprile 2021, le domande di CIGO, assegno ordinario, CIG in deroga e CISOA possono essere trasmesse entro il 31 maggio 2021.

TORNA SU