X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Riscossione provvisoria da sospendere per gli accertamenti 2021

Solo il fondato pericolo potrebbe legittimare la riscossione

/ Alfio CISSELLO e Carlo NOCERA

Sabato, 10 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’avvio delle notifiche degli atti impositivi sancito dal recente provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle Entrate 6 aprile 2021 n. 88314 getta sul tappeto una questione di vitale importanza per il sistema economico del nostro Paese: la riscossione provvisoria in pendenza del giudizio tributario.

Il contribuente è tenuto, secondo l’art. 15 del DPR 602/1973, al versamento per un terzo degli importi corrispondenti agli imponibili o ai maggiori imponibili accertati dall’ufficio ma non ancora definitivi, nonché dei relativi interessi: in ragione, poi, dell’esecutività degli avvisi di accertamento, se il pagamento non avviene entro la data di presentazione del ricorso e, tardivamente, entro i trenta giorni successivi, il contribuente viene “affidato”

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU