X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Bancarotta per distrazione in caso di fidi senza garanzie

La Cassazione ha rilevato anomalie della governance e riparazioni solo fittizie per un istituto di credito cooperativo

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 10 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un noto politico italiano è stato condannato, insieme ad altri soggetti, in qualità di presidente di un istituto di credito cooperativo per la gestione “spregiudicata, volta a consolidare le relazione di affari” tra l’istituto medesimo e un importante gruppo industriale. Così si legge nelle motivazioni della sentenza n. 13382 della Corte di Cassazione, depositata ieri.

Il reato contestato è quello di bancarotta fraudolenta patrimoniale (artt. 216 e 223 del RD 267/42), connessa a ingenti finanziamenti, o affidamenti nella forma dello scoperto di conto corrente, da parte della banca, finalizzati a procurare liquidità al gruppo industriale nell’impossibilità di ripianare lo scoperto. Peraltro, al fine di ottenere i finanziamenti, venivano in più casi utilizzati dai beneficiari ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU