X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 7 maggio 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Accertamento non firmato dal titolare dell’Ufficio validato dall’ordine di servizio

Il principio vale anche per l’imposta di registro

/ Alice BOANO

Mercoledì, 14 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La sentenza n. 9625 della Cassazione, depositata ieri, 13 aprile 2021, ha preso posizione su diverse questioni relative alla sottoscrizione dell’avviso di accertamento e, in particolare, sulle caratteristiche ed i limiti della delega di firma.

In estrema sintesi, la Suprema Corte afferma la nullità dell’avviso di accertamento nell’ipotesi in cui l’Agenzia delle Entrate non dimostri il corretto esercizio del potere sostitutivo da parte del sottoscrittore o la presenza di un’eventuale delega, ritenendo insufficiente il solo possesso della qualifica direttiva.

Di conseguenza, l’avviso di accertamento non sottoscritto dal titolare dell’ufficio può essere ritenuto valido solo ove l’Amministrazione produca, anche in giudizio, l’ordine di servizio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU