X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

iMessage e WhatsApp non utilizzabili nel processo tributario

Dirimente l’impossibilità di procedere a un’estrazione controllata e certificata

/ Alice BOANO

Giovedì, 15 aprile 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

I messaggi inviati con iMessage, così come tramite WhatsApp, non possono costituire fonte di prova in sede tributaria in quanto, in mancanza della possibilità di procedere ad un’estrazione controllata e certificata, non può esserne valutata la genuinità.
La sentenza della Commissione tributaria provinciale di Reggio Emilia, la n. 105/1/21, depositata ieri, analizza l’interessante questione del valore probatorio delle risultanze derivanti dai servizi di messaggistica istantanea.

L’accertamento prende le mosse da un soggetto, ritenuto amministratore di fatto di una società, poi dichiarata fallita, che avrebbe sfruttato come schermo giuridico e utilizzato fatture per operazioni oggettivamente inesistenti.
La sua qualità di amministratore sarebbe stata comprovata da alcuni messaggi,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU