X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 30 luglio 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Contratto concluso dall’amministratore annullabile con conflitto di interessi

Occorre però il concreto accertamento di interessi incompatibili e potenzialmente dannosi

/ Maurizio MEOLI

Lunedì, 10 maggio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una recente sentenza del Tribunale di Torino, la n. 1294 del 16 marzo scorso, si sofferma sulla disciplina dettata dall’art. 2475-ter comma 1 c.c., ai sensi del quale i contratti conclusi dagli amministratori di srl che hanno la rappresentanza della società in conflitto di interessi, per conto proprio o di terzi, con la medesima possono essere annullati su domanda della società, se il conflitto era conosciuto o riconoscibile dal terzo. Norma che traspone in ambito societario il principio generale dell’annullabilità del contratto concluso dal rappresentante in conflitto di interessi con il rappresentato (art. 1394 c.c.).

Si tratta di una previsione destinata a operare in caso di atti compiuti da amministratori unici, da amministratori delegati muniti del potere di rappresentanza, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU