X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Nel controllo formale incertezza sul computo dei trenta giorni

/ Alice BOANO

Mercoledì, 21 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 36-ter del DPR 600/73 prevede, al primo comma, un procedimento denominato “controllo formale” delle dichiarazioni che porta l’Amministrazione finanziaria a invitare il contribuente a esibire documenti giustificanti determinate voci della dichiarazione.

Le somme sono richieste tramite avviso bonario. Ove il contribuente non condivida la scelta dell’Agenzia delle Entrate, deve attendere il ruolo e la cartella di pagamento, per poi ricorrere.
L’iter, infatti, prosegue con un eventuale contraddittorio Agenzia delle Entrate-contribuente, l’invio della “comunicazione bonaria”, l’iscrizione a ruolo delle somme e, infine, la notifica della cartella di pagamento da parte della Riscossione entro il 31 dicembre del quarto anno successivo

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU