X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 9 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

Autoricicla l’esecutore testamentario che si appropria delle somme ricevute

Per integrare il reato è sufficiente una qualunque attività, concretamente idonea anche solo a ostacolare gli accertamenti sulla loro provenienza

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 1 giugno 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Ai fini dell’integrazione del reato di autoriciclaggio delineato dall’art. 648-ter.1 c.p. non occorre che l’agente ponga in essere una condotta di impiego, sostituzione o trasferimento del denaro, beni o altre utilità che comporti un assoluto impedimento alla identificazione della provenienza delittuosa degli stessi, essendo, al contrario, sufficiente una qualunque attività, concretamente idonea anche solo a ostacolare gli accertamenti sulla loro provenienza.
Inoltre, tale fattispecie non esclude che le operazioni di ostacolo possano essere riferibili allo stesso soggetto laddove ci si trovi dinanzi a una filiera di carattere “dinamico” concretamente idonea a rendere, tramite la successione delle operazioni, più difficile l’identificazione della provenienza

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU