X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 1 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL PUNTO / PROCEDURE CONCORSUALI

Cause di prelazione nel sovraindebitamento con dubbi

La falcidia dei crediti pone interrogativi sul trattamento dei privilegiati e sul voto per la parte declassata

/ Tommaso NIGRO

Giovedì, 8 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il principio tipicamente concorsuale introdotto dalla prima riforma delle procedure, risalente al DLgs. 5/2006, prevede la necessità di assicurare il rispetto rigoroso della graduazione dei privilegi imposta dalla regola codicistica con un’argomentazione che si rinviene nell’ultimo capoverso dell’art. 160 comma 2 del RD 267/42 il quale, dopo aver riconosciuto, a certe condizioni, la possibilità di falcidia dei creditori muniti di diritto di privilegio, pegno o ipoteca, stabilisce testualmente che “il trattamento stabilito per ciascuna classe non può avere l’effetto di alterare l’ordine delle cause legittime di prelazione”.

Ciò si traduce in quella che oggi viene efficacemente definita la regola della “absolute priority rule” secondo la quale,

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU