X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Confisca da approfondire per l’omessa IVA all’importazione

L’IVA all’importazione, anche se ritenuta tributo interno sostitutivo di un diritto di confine, viene caratterizzata dalla stessa finalità dei dazi doganali

/ Maria Francesca ARTUSI

Giovedì, 8 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un lungo procedimento che ha coinvolto un noto imprenditore italiano è tornato all’attenzione della giurisprudenza di legittimità in relazione alla confisca ordinata con riferimento a un’imbarcazione di lusso sequestrata nelle coste liguri nel 2010. L’accusa era quella di avere usato uno yacht per uso diportistico in acque territoriali italiane, simulando un’attività commerciale di noleggio e, quindi, senza versare l’imposta dovuta per diversi milioni di euro (delitto di mancato pagamento dell’IVA all’importazione ai sensi degli artt. 70 del DPR 633/1972 e 292 del DPR 43/1973).
La Cassazione, con la sentenza n. 25765 depositata ieri, ha annullato con rinvio tale confisca, dando seguito a un precedente rinvio richiesto dalla medesima Corte (n. 53319/2018).

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU