X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 27 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Separazione delle attività secondo la categoria catastale

L’Agenzia ribadisce l’impossibilità di una divisione che tenga conto soltanto del regime IVA delle operazioni

/ Fabio Tullio COALOA e Emanuele GRECO

Sabato, 10 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 471, pubblicata ieri dall’Agenzia delle Entrate, sono ribadite le condizioni in base alle quali è possibile la separazione delle attività ai fini IVA nel settore immobiliare.

L’Amministrazione finanziaria, in conformità con la formulazione letterale dell’art. 36 comma 3 del DPR 633/72, riconferma che, per poter essere separate, le attività devono essere tra loro distinte e obiettivamente autonome.
Ciò si traduce, nell’ambito immobiliare, in un criterio di separazione basato “non solo sul regime IVA (esenzione o imponibilità) applicato all’operazione, ma anche sulla categoria catastale del fabbricato (abitativo ovvero diverso dall’abitativo)”, in coerenza con la circ. Agenzia delle Entrate n. 22/2013.
Sono, così, ulteriormente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU