X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Limiti all’esercizio abusivo della consulenza del lavoro nelle piccole imprese

È possibile, in alcune ipotesi, delegare gli adempimenti in materia del lavoro a proprie cooperative

/ Maria Francesca ARTUSI

Sabato, 10 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La normativa che disciplina la materia dei centri di assistenza fiscale e dei servizi di consulenza del lavoro affidati alle cooperative delle imprese artigiane e delle piccole imprese non consente di ricondurre l’attività di consulenza del lavoro, svolta dai predetti centri, nella fattispecie di reato di esercizio abusivo di una professione previsto dall’art. 348 c.p., non essendo richiesta per tale attività l’iscrizione all’Albo speciale dei consulenti del lavoro.

Tale affermazione si trova nella sentenza n. 26294 della Corte di Cassazione, depositata ieri, in cui si accoglie il ricorso di un soggetto che era stato condannato per il reato in questione per aver svolto, in qualità di legale rappresentante di una sas, attività di consulente del lavoro, in particolare occupandosi

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU