Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 30 giugno 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Divieto di uso del velo legittimo se finalizzato a una politica di neutralità

Il datore deve dimostrare che tale politica risponde a una reale esigenza, considerate in primo luogo le aspettative di clienti o utenti

/ Giada GIANOLA

Venerdì, 16 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Giustizia torna sull’utilizzo del velo islamico sul posto di lavoro con la pronuncia pubblicata ieri, 15 luglio 2021, nelle cause riunite C-804/18 e C-341/19.

La prima causa riguarda una lavoratrice con mansioni di educatrice specializzata operante in un asilo nido gestito da una società dichiaratamente apartitica e aconfessionale.
Dopo aver fruito del congedo parentale, la dipendente si era recata sul posto di lavoro con il velo islamico sebbene, nel frattempo, la società avesse adottato un’istruzione di servizio finalizzata al rispetto dell’obbligo di neutralità nei confronti degli utenti, dunque dei genitori, dei bambini e di terzi. Con tale istruzione veniva, tra l’altro, imposto il divieto di indossare sul luogo di lavoro, alla presenza di genitori, bambini ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU