X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

IL CASO DEL GIORNO

Contributo unificato dubbio per il reclamo contro i decreti presidenziali

/ Dario AUGELLO e Gabriella DE MATTIA

Mercoledì, 28 luglio 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il contributo unificato ha sostituito il previgente sistema di tassazione dei procedimenti giudiziari, per i quali si richiedeva il pagamento di diversi tributi, quali l’imposta di bollo e la tassa di iscrizione a ruolo. Oggi, per accedere alla giustizia, si versa un importo onnicomprensivo, determinato secondo criteri che variano per materia e, comunque, in proporzione al valore della controversia.

Il contributo unificato, introdotto a partire dal 2002 nel processo civile, amministrativo e penale, è stato esteso al processo tributario nel 2011. Per i gradi di merito delle controversie tributarie occorre far riferimento all’art. 9, comma 1 del DPR 115/2002, in base al quale “è dovuto il contributo unificato di iscrizione a ruolo per ciascun grado di giudizio (...) nel processo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU