X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

FISCO

Detrazioni ampie nel modello REDDITI per gli immobili italiani dei non residenti

Situazione di fatto parificata a quella delle persone fisiche con residenza italiana, fatto salvo il caso dei mutui prima casa

/ Gianluca ODETTO

Lunedì, 2 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nella dichiarazione italiana presentata dai non residenti occorre prestare qualche attenzione supplementare alla corretta indicazione degli oneri deducibili e detraibili di derivazione immobiliare.

La regola generale prevista per i redditi immobiliari, che lega l’imposizione della persona alla localizzazione dell’immobile, porta con sé la conseguenza per cui sono riconosciuti in deduzione o in detrazione anche gli oneri sostenuti, pur se non mancano alcune zone d’ombra.

Per quanto riguarda gli oneri deducibili, l’art. 24 comma 2 del TUIR menziona i canoni, livelli, censi e altri oneri che gravano sull’immobile, compresi i contributi a consorzi obbligatori, con indicazione ripresa dalle istruzioni al Fascicolo 2 del modello REDDITI PF 2021.

Molto più articolata è la ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU