X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

IL CASO DEL GIORNO

Riaddebito di spese comuni escluso dal regime forfetario

/ Paola RIVETTI

Lunedì, 2 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nell’ambito del regime forfetario di cui alla L. 190/2014, il reddito d’impresa e di lavoro autonomo su cui calcolare l’imposta sostitutiva è determinato applicando al totale dei ricavi e dei compensi percepiti nell’esercizio dell’attività il coefficiente di redditività previsto per la specifica attività esercitata.

Una questione che talvolta si pone riguarda il trattamento delle spese comuni riaddebitate dall’intestatario del contratto ad altri professionisti o imprenditori, a fronte dell’uso comune di un determinato bene (tipicamente le utenze del locale ove si svolge l’attività).

Nell’ambito del reddito di lavoro autonomo, è stato chiarito che non rientrano tra i compensi professionali le somme riaddebitate dal professionista intestatario ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU