X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 26 settembre 2021 - Aggiornato alle 11.50

NOTIZIE IN BREVE

Intesa in CdM sulla riforma della giustizia penale

/ REDAZIONE

Venerdì, 30 luglio 2021

x
STAMPA

Nella riunione di ieri, il Consiglio dei Ministri ha affrontato la riforma del processo penale e ha deciso di apportare alcune modifiche.

Come riporta il comunicato di Palazzo Chigi, rispetto al testo approvato due volte all’unanimità dal Governo, si introducono alcune novità tra cui:
- la previsione che per i primi tre anni di applicazione della riforma, la durata del processo d’Appello si estenda per un ulteriore anno e quella del processo per cassazione di ulteriori sei mesi;

- la previsione che per alcuni reati, in particolare per i reati di associazione mafiosa, scambio politico mafioso, associazione finalizzata allo spaccio, violenza sessuale e reati con finalità di terrorismo e di eversione dell’ordine democratico, i giudici di Appello e di Cassazione possano con ordinanza, motivata e ricorribile in Cassazione, disporre l’ulteriore proroga del periodo processuale in presenza di alcune condizioni riguardanti la complessità del processo, il numero delle parti e delle imputazioni o per la complessità delle questioni di fatto e di diritto. Per i reati aggravati ex art. 416-bis, primo comma, la proroga può essere disposta per non oltre due anni.

TORNA SU