X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Negata la detrazione IVA sull’acconto versato per il preliminare

La Cassazione si è pronunciata in un caso in cui gli elementi di fatto rivelavano la simulazione del contratto preliminare

/ Emanuele GRECO

Venerdì, 6 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 22092 depositata il 3 agosto 2021, ha disconosciuto il diritto alla detrazione dell’IVA corrisposta da una società a fronte del pagamento di un acconto per la stipula di un contratto preliminare di compravendita di un bene immobile.
Nella fattispecie, la stipula dell’atto di compravendita era sottoposta alla condizione sospensiva del reperimento, entro un termine prefissato e a un canone prestabilito, di conduttori per l’immobile oggetto del contratto preliminare.

Non essendosi realizzate le condizioni previste nel preliminare, la cessione dell’immobile non veniva effettivamente realizzata.
Sulla base di svariati elementi di fatto (cioè la sproporzione del prezzo versato a titolo di acconto rispetto al corrispettivo pattuito ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU