X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Dubbi comunitari sui reati tributari senza intento fraudolento e dolo specifico

La pronuncia Karimov et alii v. Azerbaijan offre spunti per analizzare gli artt. 10-bis e 10-ter del DLgs. 74/2000

/ Alberto CALZOLARI e Daniel SPAGGIARI

Martedì, 24 agosto 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Una recente sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo fornisce un nuovo spunto per riflettere sulla dubbia legittimità delle norme che hanno reintrodotto nell’ordinamento tributario (nel DLgs. 74/2000) la rilevanza penale di fattispecie prive sia dell’intento fraudolento sia del dolo specifico: l’art. 10-bis, che sanziona, con la reclusione da sei mesi a due anni, il responsabile dell’omesso versamento di ritenute dichiarate o certificate (sopra la soglia di 150.000 euro), e l’art. 10-ter, che sanziona con identica pena il contribuente reo di non aver versato l’IVA emergente dalla dichiarazione (sopra la soglia di 250.000 euro).

L’occasione è offerta da Corte EDU 22 luglio 2021, Causa Karimov et alii v. Azerbaigian, nella quale i ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU