X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 20 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Confisca diretta con profitto in rapporto di pertinenzialità diretta con l’illecito

La giurisprudenza di legittimità consolida i propri principi sulla misura cautelare nei casi di frodi carosello

/ Maria Francesca ARTUSI

Martedì, 14 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Un caso di “frode carosello” legata all’acquisto di autovetture tramite l’interposizione di ditte estere intracomunitarie ha fornito l’occasione alla Cassazione per tornare sulla nozione di profitto della confisca nei reati tributari.

Si tratta delle motivazioni della sentenza n. 33813, depositate ieri, in cui si conferma il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente dei beni dell’amministratore di fatto e di altri soggetti in relazione ai reati di omessa dichiarazione (art. 5 del DLgs. 74/2000) e di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti (art. 2 del DLgs. 74/2000).

I giudici di legittimità si rifanno all’elaborazione delle Sezioni Unite n. 31617/2015 – che supera in parte la nota sentenza Gubert, sempre a Sezioni Unite, n. 10561/2014 ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU