X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 25 ottobre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Tassato il dipendente non residente in smart working in Italia per più di 183 giorni

La tassazione in Italia potrebbe essere evitata con un periodo di permanenza inferiore

/ Luisa CORSO e Gianluca ODETTO

Martedì, 28 settembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta n. 626 del 27 settembre 2021 l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti in merito al trattamento fiscale del reddito di lavoro dipendente percepito da un soggetto non residente che, a causa dell’emergenza COVID, svolge attività lavorativa in Italia, in smart working, per una società estera.

Va fin da subito evidenziato che, secondo la prassi dell’Agenzia delle Entrate (risposta a interpello 7 luglio 2021 n. 458), la residenza ai sensi dell’art. 2 del TUIR prescinde dalla circostanza per cui la permanenza in Italia della persona sia dettata da ragioni legate all’emergenza epidemiologica (ciò fatti salvi i rapporti con la Francia e la Svizzera in cui accordi amministrativi ad hoc fanno valere il criterio della presenza “virtuale”);

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU