X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Oneri finanziari capitalizzabili solo se effettivamente sostenuti e determinabili

/ Silvia LATORRACA

Mercoledì, 1 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 2426 comma 1 n. 1 c.c. stabilisce che gli oneri finanziari sostenuti per la fabbricazione, interna o presso terzi, delle immobilizzazioni possono essere capitalizzati per la quota ragionevolmente imputabile all’immobilizzazione e “fino al momento dal quale il bene può essere utilizzato”.
Come evidenziato in dottrina, il codice civile prevede, quindi, una facoltà di capitalizzazione degli oneri finanziari a determinate condizioni e non, invece, un obbligo.

In senso analogo al dettato codicistico, il documento OIC 16 (§ 39), con riferimento alle immobilizzazioni materiali, precisa che gli oneri relativi al finanziamento della fabbricazione possono essere aggiunti al costo di produzione per la quota ragionevolmente imputabile al cespite “per il periodo della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU