X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Deduzione delle rimanenze nelle operazioni straordinarie con le imprese minori

/ Alessandro COTTO e Paola RIVETTI

Mercoledì, 13 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

A seguito delle modifiche apportate dalla L. 232/2016 all’art. 66 del TUIR, le rimanenze finali e le esistenze iniziali di merci non assumono più rilevanza ai fini della determinazione del reddito delle imprese in contabilità semplificata. In applicazione del principio di cassa, le spese per le merci rilevano nel periodo d’imposta in cui è effettuato il pagamento, oppure in quello in cui è stata registrata la fattura di acquisto, in caso di opzione per il c.d. “criterio delle registrazioni IVA” di cui all’art. 18 comma 5 del DPR 600/73.

Inoltre, ai sensi dell’art. 1 comma 18 della L. 232/2016, dal reddito d’impresa del primo periodo in cui sono applicate le riformate disposizioni dell’art. 66 del TUIR si deduce integralmente l’importo delle

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU