X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Costo del de cuius per i titoli esteri «extraterritoriali»

La valorizzazione ai fini del capital gain dell’erede italiano non può avvenire, secondo l’Agenzia delle Entrate, in base al valore normale

/ Gianluca ODETTO

Venerdì, 8 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

La risposta a interpello n. 675 di ieri, 7 ottobre 2021, ha precisato che, per i titoli esteri (azionari e obbligazionari) pervenuti per successione dal de cuius non residente, il costo fiscalmente riconosciuto ai fini della determinazione delle successive plusvalenze non può essere assunto nel valore normale dei titoli alla data di apertura della successione, ma deve essere invece quantificato nel costo sostenuto dal de cuius.
L’orientamento espresso dall’Agenzia delle Entrate va, quindi, nel senso per cui non può essere esteso a questa casistica il principio, contenuto nell’art. 68 comma 6 del TUIR, per cui, per i titoli esenti dall’imposta sulle successioni, si assume come costo il relativo valore normale.

Il fulcro dell’interpello n. 675/2021 riguarda, quindi, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU