X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Deducibili i costi sostenuti dall’interposto fittizio

Per la Cassazione non è necessaria la prova dei costi sostenuti dall’interponente

/ Dario AUGELLO

Giovedì, 21 ottobre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 29228 depositata ieri la Cassazione ha affermato il principio secondo cui, in caso di interposizione fittizia, devono essere imputati in capo all’interponente non solo i componenti positivi del reddito di cui appare titolare il soggetto interposto, ma anche quelli negativi, purché effettivamente sostenuti.

Qualora l’Agenzia non si limiti ad accertare l’interposizione, ma rettifichi in aumento il reddito dichiarato, l’interponente può provare l’esistenza di eventuali e ulteriori costi non dichiarati, purché effettivi.
Nel caso di specie l’Agenzia aveva accertato in capo a un odontoiatra la continuazione dell’esercizio dell’attività professionale in violazione del rapporto di dipendenza dall’azienda sanitaria pubblica che

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU