X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 21 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Alla contrattazione collettiva si può aderire per fatti concludenti

L’adesione implicita a un contratto collettivo può desumersi dalla costante e prolungata applicazione delle relative clausole

/ Giada GIANOLA

Lunedì, 1 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’efficacia soggettiva dei contratti collettivi rappresenta una questione di interesse sempre attuale, su cui dottrina e giurisprudenza si sono interrogate, seguendo un’impostazione ormai condivisa.

Secondo tale impostazione, i contratti collettivi – i quali, si precisa, sono atti di natura privatistica – hanno efficacia nei confronti delle parti del rapporto in caso di iscrizione delle stesse alle organizzazioni sindacali stipulanti o in caso di espresso recepimento – attraverso, ad esempio, il richiamo nel contratto individuale di lavoro del CCNL da applicare – o di implicita adesione.

In tal senso si evidenziano la sentenza della Cassazione n. 24336/2013 e la più recente pronuncia, sempre della Suprema Corte, n. 28905/2021.
Nel caso trattato da quest’ultima sentenza, in particolare, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU