X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 dicembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

L’omessa tenuta della contabilità non integra occultamento o distruzione

/ Maurizio MEOLI

Giovedì, 25 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 10 del DLgs. 74/2000 punisce colui il quale, al fine di evadere le imposte sui redditi o l’IVA, o di consentire a terzi l’evasione, salvo che il fatto costituisca più grave reato, occulta o distrugge, in tutto o in parte, le scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la conservazione in modo da non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume degli affari. La condotta punibile consiste, quindi, nella distruzione o nell’occultamento, totale o parziale, dei citati documenti.
La distruzione configura un reato istantaneo che si realizza al momento dell’eliminazione della documentazione; eliminazione da provare da parte dell’imputato onde avvantaggiarsi dell’eventuale prescrizione (cfr. Cass. n. 54011/2018).

L’occultamento ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU