X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Agevolate le prestazioni del fondo pensione transfrontaliero agli iscritti italiani

Il fondo non è tenuto ad applicare l’imposta sostitutiva del 20% per le adesioni effettuate in Italia

/ Massimo NEGRO e Daniele SILVESTRO

Martedì, 30 novembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le prestazioni previdenziali erogate da un fondo pensione transfrontaliero agli iscritti italiani sono tassate secondo il regime agevolato di cui all’art. 11 comma 6 del DLgs. 252/2005. Nell’ipotesi in cui il fondo non è tenuto ad applicare sul risultato netto di gestione l’imposta sostitutiva del 20% ex art. 17 del richiamato decreto legislativo, tali rendimenti concorrono alla formazione della base imponibile ai sensi del comma 6 del citato art. 11.
È quanto precisato dall’Agenzia delle Entrate con la risposta a interpello n. 794 pubblicata ieri, 29 novembre 2021.

L’istante è un fondo pensione transfrontaliero, non residente in Italia (ha infatti sede legale e amministrativa in Belgio) e non ha una stabile organizzazione nel nostro Paese; il fondo è stato istituito

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU