Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 27 settembre 2022 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Prova dell’esercizio dell’attività per la fallibilità oltre l’anno dalla cancellazione

/ Antonio NICOTRA

Martedì, 11 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 10 comma 2 del RD 267/42, in applicazione del principio di effettività, riconosce al creditore o al pubblico ministero la possibilità di estendere il termine di fallibilità dell’imprenditore iscritto nel Registro delle imprese anche oltre l’anno dalla formale cancellazione, purché sia dimostrata, attraverso il compimento di uno o più atti, l’ulteriore prosecuzione dell’attività d’impresa.

Secondo la giurisprudenza di legittimità, grava sul creditore l’onere di superare la presunzione iuris tantum di coincidenza della cessazione dell’attività economica con la formale cancellazione dal Registro delle imprese, fornendo la dimostrazione del compimento di successive operazioni “anche di tipo meramente liquidatorio” (Cass. n. 33349/2018),

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU