X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 gennaio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Regole IMU ad hoc per le aree edificabili

Occorre verificare le variazioni urbanistiche in corso d’anno e le aree pertinenziali oggetto di autonomo accatastamento

/ Stefano SPINA

Martedì, 7 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Come ogni anno, in sede di determinazione del saldo IMU, occorre porre particolare attenzione alle aree edificabili, sia ai fini della loro valorizzazione che dell’eventuale mutamento di destinazione urbanistica avvenuto nel corso dell’esercizio.

Al riguardo, a partire dall’anno 2020, occorre applicare le regole introdotte dalla L. 160/2019.
Innanzitutto, in base alla nuova definizione contenuta nel comma 741 dell’art. 1 della L. 160/2019, si considera “parte integrante del fabbricato l’area occupata dalla costruzione e quella che ne costituisce pertinenza esclusivamente ai fini urbanistici, purché accatastata unitariamente …“.

Tale disposizione supera la precedente definizione civilistica di pertinenza ex art. 817 e ss. c.c. introducendone una più restrittiva

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU