Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 11 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Inammissibile l’appello via PEC prima del processo tributario telematico

In via speculare ciò dovrebbe valere per il ricorso per errore notificato in via cartacea

/ Alice BOANO

Martedì, 7 dicembre 2021

x
STAMPA

download PDF download PDF

Le notifiche antecedenti alla definizione delle specifiche tecniche introdotte con il DM 4 agosto 2015 non possono essere effettuate secondo le modalità dettate per il processo tributario telematico e, se effettuate, vanno considerate giuridicamente inesistenti.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione n. 38299, depositata il 3 dicembre 2021.
La Commissione tributaria regionale aveva dichiarato inammissibile un atto di appello a seguito della sua notifica via PEC. Al momento della trasmissione telematica, risalente al 2014, il processo telematico non era ancora in vigore.

In questa sede, dunque, può essere utile elencare in ordine cronologico le disposizioni normative recanti la (prima) disciplina di riferimento:
- l’art. 39 comma 8 del DL 6 luglio 2011 n. 98 ha introdotto l’utilizzo ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU