Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Estinzione e fallimento non escludono la legittimazione passiva del socio

L’avviso di accertamento va notificato al socio e non al curatore

/ Francesco DIANA

Venerdì, 21 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 1689, depositata ieri, la Cassazione ha ritenuto che, nonostante l’estinzione della società e la dichiarazione di fallimento intervenuta entro il termine dell’anno decorrente dalla cancellazione della stessa dal registro delle imprese (art. 10 comma 1 del RD 267/42), deve ritenersi legittimo l’avviso di accertamento notificato ai soci, a cui spetta la legittimazione passiva in luogo del curatore.

In altri termini, in presenza di società estinta, deve ritenersi legittima la notifica nei confronti dei soci di quest’ultima, poiché destinati a succedere alle obbligazioni sociali indipendentemente dal ricorrere del fallimento della società e della rappresentanza attribuita al curatore, in quanto tale rappresentanza deve ritenersi valida solo nell’ambito

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU