Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 19 maggio 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Accesso ispettivo senza autorizzazione del PM con collegamento esterno fra i locali

Il locale è a uso promiscuo se è agevole la comunicazione interna per il trasferimento di documenti dell’attività commerciale nei locali abitativi

/ Alice BOANO

Venerdì, 21 gennaio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non possono essere considerati locali ad uso promiscuo e, dunque, con necessità per l’accesso ispettivo dell’autorizzazione del Procuratore della Repubblica, gli immobili collegati fra loro esternamente. L’ordinanza della Cassazione n. 1698 depositata ieri, 20 gennaio 2022, ha fornito una lettura rigorosa della definizione di locale “ad uso promiscuo” utilizzabile ai fini dell’accesso degli uffici ai sensi dell’art. 52 del DPR 633/72.

La disposizione, applicabile anche alle imposte sui redditi in ragione del rinvio ex art. 33 del DPR 600/73, richiede un regime autorizzativo progressivamente più restrittivo a seconda che il locale abbia uno scopo anche abitativo.
L’art. 52 comma 1 del DPR 633/72 riconosce agli uffici la possibilità di disporre l’accesso ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU