Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Modelli organizzativi da implementare per gli enti del settore dei beni culturali

Devono essere idonei ad agevolare le attività di reporting e a favorire gli obblighi di collaborazione che i vari enti coinvolti potrebbero attuare

/ Maria Francesca ARTUSI

Venerdì, 1 luglio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Alla luce della nuova legge in materia di reati contro il patrimonio culturale (L. 22/2022), l’Ufficio del Massimario della Corte di Cassazione ha pubblicato una relazione che evidenzia le novità normative, sia nel codice penale, sia con riferimento alla responsabilità delle società e degli enti.

Proprio con riguardo ai nuovi reati presupposto introdotti nel DLgs. 231/2001 (artt. 25-septiesdecies e 25-duodevicies), tale documento precisa che la riforma investe varie categorie di soggetti collettivi che si muovono nel complesso scenario della gestione e circolazione dei beni culturali, con compiti di responsabilità diffusa anche nella salvaguardia del patrimonio quali esemplificativamente: gli enti museali, le case d’asta, le fondazioni, le associazioni, le società partecipate e tutte

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU