Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 agosto 2022 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

La voluntary disclosure non integra dichiarazione di successione

La dichiarazione di successione, poi, non comporta divieti in relazione alla collaborazione volontaria

/ Anita MAURO

Venerdì, 1 luglio 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

La presentazione dell’istanza di collaborazione volontaria ai sensi della L. 186/2014 (voluntary disclosure), in cui venga dichiarata l’esistenza di un compendio ereditario, sito all’estero, non riportato nella dichiarazione di successione a suo tempo presentata, non integra una nuova dichiarazione di successione, sicché l’Agenzia delle Entrate non può conteggiare i termini di accertamento dalla data della voluntary.
Questo è uno dei chiarimenti forniti dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 20933, pubblicata ieri.

Nel dicembre 2015, un soggetto presentava un’istanza di volutary disclosure dalla quale emergevano beni, siti all’estero, di proprietà del defunto padre, non indicati nella dichiarazione di successione. In particolare, tali beni non erano ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU