ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

In arrivo la definizione delle liti in Cassazione

Se il contribuente ha vinto due volte e il valore non supera i 100.000 euro, si paga solo il 5%

/ Dario AUGELLO

Lunedì, 8 agosto 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 5 del disegno di legge di riforma della giustizia tributaria e del processo, che è stato trasmesso alla Camera per l’approvazione definitiva, prevede una nuova definizione agevolata delle liti tributarie pendenti presso la Cassazione.

L’obiettivo della definizione agevolata è di ridurre il contenzioso pendente in Cassazione: basti considerare infatti che, al 31 dicembre 2021, il 42% delle liti pendenti davanti alle sezioni civili erano controversie tributarie (47.364 su un totale di 111.241 liti).
Peraltro il nuovo condono non è generalizzato, in quanto è previsto un tetto massimo al valore della lite.
In particolare l’art. 5 distingue due fattispecie.

La prima è quella in cui l’Agenzia delle Entrate sia risultata totalmente soccombente in tutti i precedenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU