Chiudi senza accettare

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili ad avere un'esperienza di navigazione migliorata e funzionale al tipo di dispositivo utilizzato, secondo le finalità illustrate nella Cookie Policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, puoi farlo in qualsiasi momento selezionando Gestisci le preferenze.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 25 settembre 2022

NOTIZIE IN BREVE

I presupposti per l’aliquota IVA ridotta devono essere dimostrati

/ REDAZIONE

Giovedì, 11 agosto 2022

x
STAMPA

Con la sentenza n. 24581 di ieri, la Corte di Cassazione ha ribadito che l’applicabilità delle aliquote IVA ridotte deve essere dimostrata, sulla base dei relativi presupposti (in particolare, Cass. nn. 14904/2001 e 7124/2003).
Ciò vale sia nella circostanza in cui sia onere del contribuente fornire prova delle condizioni per l’aliquota ridotta, sia nella circostanza in cui a sostenerne l’applicabilità sia l’Amministrazione finanziaria. Nel caso di specie, era l’Ufficio a ritenere applicabile un’aliquota inferiore a quella adottata dal cedente o prestatore, contestando l’esercizio del diritto alla detrazione in capo al cessionario o committente.

Per le aliquote IVA ridotte è, infatti, consolidato il principio per cui, trattandosi di misure agevolative, le relative norme devono essere interpretate restrittivamente (tra le altre, Cass. nn. 32955/2018 e 26317/2020).

Inoltre, nella pronuncia in commento, non viene considerata l’applicabilità della disciplina, in tema di detrazione dell’IVA applicata in eccesso, di cui all’art. 6 comma 6 del DLgs. 471/97 (nella versione vigente post L. 205/2017), poiché nella fattispecie “l’applicabilità delle aliquote ridotte è tutta da dimostrare, incerti essendone i presupposti invocati dall’ufficio, in tutto o in parte”.

TORNA SU