ACCEDI
Giovedì, 25 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Compensazione duplicata senza violazioni sostanziali

/ Rebecca AMATO

Giovedì, 13 ottobre 2022

x
STAMPA

download PDF download PDF

Potrebbe succedere che un contribuente, per mero errore, “duplichi” un modello F24 contenente una compensazione.
Si pensi al contribuente che compensa un credito IRPEF con un debito INPS. Il modello F24 supera i controlli telematici dunque la compensazione va a buon fine. Due settimane dopo ripresenta lo stesso modello F24 compensando lo stesso credito (a questo punto inesistente) ed estinguendo lo stesso debito (inesistente anche lui essendo già stato pagato).
Arriva ovviamente la cartella di pagamento scaturente da liquidazione automatica.

Vi è da chiedersi in primis se la condotta descritta sia tale da configurare una violazione tributaria e come tale sanzionabile a norma dell’art. 13 commi 4 e 5 del DLgs. 471/97, disciplinanti le indebite compensazioni.
Nell’ipotesi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU