ACCEDI
Sabato, 25 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

I versamenti periodici omessi riducono il credito annuale IVA

La differenza tra il credito «potenziale» e quello effettivo si indica nel rigo VL41 della dichiarazione

/ Mirco GAZZERA

Lunedì, 27 febbraio 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel calcolo del credito che emerge dalla dichiarazione IVA occorre considerare esclusivamente i versamenti effettuati. In presenza di pagamenti omessi, dunque, il credito rimane solo “potenziale”, in tutto o in parte. Lo stesso potrà poi essere fatto valere, nell’anno in cui si verserà quanto dovuto, compilando il quadro VQ della dichiarazione riferita a tale annualità.

Nel rigo VL30 (“Ammontare IVA periodica”) campo 1 della dichiarazione si espone l’importo dell’IVA periodica dovuta, se maggiore di quella versata. In assenza di indicazioni contrarie, quindi, al computo dell’eventuale credito annuale IVA poteva concorrere un’imposta periodica non effettivamente versata (si veda “Nel modello IVA 2018 irrilevanti gli omessi versamenti ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU