ACCEDI
Giovedì, 13 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Certificato dei carichi pendenti richiedibile prima dell’assunzione

Tale richiesta è conforme ai principi generali di correttezza e buona fede in fase precontrattuale

/ Giosafat RIGANÒ

Lunedì, 13 marzo 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non è prevista una norma di carattere generale che imponga al dipendente al momento dell’assunzione di consegnare al datore di lavoro il casellario giudiziale (vale a dire il certificato rilasciato dalla Procura della Repubblica ove sono annotate le condanne penali e civili definitive) e il certificato dei carichi pendenti (ossia il certificato rilasciato dalla Procura che attesta l’esistenza o meno di procedimenti penali in corso, non ancora passati in giudicato). Unica eccezione è data dall’art. 2 del DLgs. 39/2014 (che ha introdotto l’art. 25-bis nel DPR 313/2002): prima dell’assunzione di un lavoratore subordinato per lo svolgimento di attività professionali o attività volontarie organizzate che comportino contatti diretti e regolari con minori, il datore di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU