ACCEDI
Martedì, 21 maggio 2024 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Assicurazione coattiva se non si ottempera alla relativa diffida INAIL

Il termine «diffida» ha vari significati, con differenti conseguenze in caso di mancata ottemperanza

/ Fabrizio VAZIO

Martedì, 19 settembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

In ambito INAIL l’espressione “diffida” è usata in tre casi.
Sebbene si tratti di casistiche assolutamente differenti, l’utilizzo dello stesso vocabolo è talora causa di confusione anche fra gli stessi addetti ai lavori.

La prima è la diffida all’instaurazione del rapporto assicurativo.
L’art. 16 commi 1 e 2 del DPR 1124/65 stabilisce che l’Istituto assicuratore, quando viene a conoscenza del fatto che non si è provveduto secondo le disposizioni dell’art. 12 alle denunce in esso previste, diffida il datore di lavoro fissandogli il termine di dieci giorni per l’adempimento.
Trascorso detto termine, senza che sia stato presentato ricorso all’Ispettorato territoriale del lavoro, il datore è tenuto a versare il premio risultante dagli accertamenti

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU