ACCEDI
Lunedì, 22 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Non rilevante ai fini IVA la remunerazione aggiuntiva per i farmaci erogati in regime di SSN

/ REDAZIONE

Sabato, 16 settembre 2023

x
STAMPA

L’art. 1 comma 532 della L. 197/2022 (legge di bilancio 2023) ha previsto una remunerazione aggiuntiva in favore delle farmacie per il rimborso dei farmaci erogati in regime di SSN.
L’Agenzia delle Entrate, con la consulenza giuridica n. 2 pubblicata ieri, ha confermato la non rilevanza ai fini IVA della suddetta remunerazione aggiuntiva; essa, infatti, può essere assimilata alle precedenti erogazioni previste, ai medesimi fini, dal DL 41/2021.

Il contributo, previsto nell’ottica di salvaguardare la rete di prossimità rappresentata dalle farmacie, non concorre alla determinazione della spesa farmaceutica convenzionata, non è commisurato al prezzo dei medicinali – essendo correlato al numero delle confezioni cedute – e non ne modifica il prezzo di vendita al pubblico.
A differenza delle precedenti erogazioni, il citato comma 532 ha previsto che la remunerazione aggiuntiva concorra al calcolo del fatturato annuo del servizio sanitario nazionale. Per tale ragione, raggiunto il tetto di spesa ed esaurite le risorse stanziate, l’erogazione viene interrotta e le eventuali somme elargite in eccesso devono essere recuperate.

L’Amministrazione finanziaria ribadisce quanto affermato nelle risposte a interpello n. 219 e 227 del 2022, ritenendo pertanto che anche la remunerazione da ultimo introdotta possa considerarsi non rilevante ai fini IVA.

TORNA SU