ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Disconoscimento del regime tariffario preferenziale con silenzio dell’autorità estera

Ciò solo se l’Agenzia delle Dogane, in esito alla procedura di cooperazione amministrativa, continua a nutrire dubbi sull’origine dei prodotti importati

/ Valeria BALDI

Giovedì, 23 novembre 2023

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui l’autorità doganale del Paese di importazione, in esito alla cooperazione amministrativa con le autorità competenti del Paese beneficiario di un trattamento tariffario preferenziale, nutra fondati dubbi sul carattere originario dei prodotti o sulla validità dell’attestazione di origine, il silenzio serbato dall’autorità doganale del Paese beneficiario può legittimare il disconoscimento del regime tariffario preferenziale.
Il principio, espresso in materia di verifica della correttezza dell’origine preferenziale dichiarata all’importazione, è stato ribadito dalla Corte di Cassazione con la sentenza 20 luglio 2023 n. 21685.

Il Reg. Ue 2015/2447 (RE) disciplina la procedura di controllo a posteriori delle attestazioni di origine (art. 109), dei certificati ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU