ACCEDI
Martedì, 25 giugno 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Discusso il reclamo del creditore erariale con l’omologazione forzata

Il cram down fiscale segue il regime ordinario o semplificato in presenza o meno di opposizioni

/ Antonio NICOTRA e Marco PEZZETTA

Giovedì, 11 gennaio 2024

x
STAMPA

download PDF download PDF

La Cassazione, con ordinanza n. 1033 depositata ieri, ha enunciato il principio secondo il quale l’istituto del cram down fiscale, disciplinato nell’art. 180 comma 4 del RD 267/42, non dà luogo ad un tertium genus di giudizio di omologazione del concordato preventivo, ma segue il regime procedurale ordinario, che contempla il reclamo ex art. 183 del RD 267/42 (art. 180 comma 4 del RD 267/42) ovvero quello semplificato, che ne esclude la proponibilità (art. 180 comma 3 del RD 267/42), a seconda che siano presentate o meno opposizioni.

Nel caso di specie, in seno ad un giudizio di omologazione del concordato preventivo, l’Agenzia delle Entrate, creditore chirografario, manifestava il dissenso alla proposta di transazione fiscale ex art. 182-ter del RD 267/42 e il debitore invocava ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU